Descrizione Progetto

PATOLOGIE DEL SISTEMA

CIRCOLATORIO E LINFATICO
(Gambe gonfie,Insufficienza Venosa e Linfedema)

SISTEMA CIRCOLATARIO E LINFATICO: PERCHE’ LE GAMBE GONFIE?

Il sistema vascolare (chiamato anche apparato circolatorio o cardiovascolare) è tutto l’insieme degli organi e delle strutture di raccordo del corpo umano deputate al trasporto di fluidi, in particolar modo del sangue. Lo scopo principale del sistema cardiovascolare è fornire alle cellule del corpo tutti gli elementi necessari al loro sostentamento, rendendo quindi possibile l’esistenza.

Nella più ampia accezione, al sistema vascolare si affianca anche quello linfatico, che ha come scopo fondamentale la circolazione ed il drenaggio della linfa, un liquido alcalino debole formato da acqua, proteine, grassi e linfociti, prodotto dagli interstizi degli organi e riversato nel sistema circolatorio sanguigno. Sia il sistema vascolare che quello linfatico sono essenziali per la vita non solo dell’essere umano ma di tutti i mammiferi, e la loro regolare funzione è imprescindibile per assicurare l’esistenza biologica e la buona salute generale del soggetto. Quando queste condizioni vengono meno posso insorgere una serie di problematiche piu’ o meno severe a seconda della sintomatologia: dalle gambe gonfie e pesanti, ad edemi di diverso grado fino a patologie molto più ivalidanti.

Essendo un apparato quanto mai complesso e in cui giocano un ruolo chiave avanzate reazioni fisico-idrauliche, elettro-motorie e chimico-fisiche, il sistema cardiovascolare è soggetto a numerose patologie, sia agli organi che lo compongono che ai vasi sanguigni che mettono in comunicazione i fluidi. Varie sono le specializzazioni mediche che studiano l’anatomia e le patologie che colpiscono i vasi sanguigni e quelli linfatici; la chirurgia vascolare, la cardiologia, la cardiochirurgia, la linfologia e l’angiologia sono le branche principali, a cui si aggiungono anche le sotto-specializzazioni come la flebologia.

EDEMA

I classici tre stadi dell’edema: primo, secondo e terzo

Per edema si intende il gonfiore di una zona del corpo, solitamente riferita agli arti inferiori: si ha dunque la tipica sensazione di gambe gonfie ed affaticate. Esistono tanti tipi di edemi, quelli fisiologici e quelli patologici. Gli edemi fisiologici sino quelli che compaiono quando si sta tanto in piedi, durante l’estate, in corso di gravidanza, e nella fase premestruale.

Tutti questi sono edemi transitori che regrediscono spontaneamente.
Vi sono edemi da disfunzione cardiaca, quelli in corso di malattie renali ed epatiche che andranno valutati dagli appositi specialisti.

Gli edemi da disuso interessano tutti coloro che per svariati motivi si muovono poco o non si muovono affatto, le persone molto anziane, tutti coloro che fanno uso di sedia a rotelle, tipo le SLA, la sclerosi mulpipla, le para e tetraplegie, il Parkinson, l’Alzheimer. Infine ci sono il linfedema e gli edemi di natura flebologica.

Il trattamento fisioterapico adeguato è il linfodrenaggio associato a tecarterapia, utile soprattutto per allegerire e defaticare gli arti inferiori, togliengo la sensazione di gambe gonfie e pesanti.

Linfedema

LINFEDEMA

Un linfedema agli arti inferiori

Il linfedema è l’accumulo patologico di liquido linfatico nel tessuto sottocutaneo ed è una patologia cronica irreversibile ad andamento evolutivo. La circolazione linfatica inizia dai tessuti più periferici fino a organizzarsi in sottili vasi scorrono vicino alle vene e ha la stessa direzione di flusso dal basso verso l’alto .

L’edema linfatico è caratterizzato da un elevato contenuto proteico: la concentrazione proteica interstiziale determina un‘infiammazione cronica che induce lo sviluppo di un progressivo indurimento dei tessuti esponendo il paziente ad infezioni e a lesioni della pelle. Il linfedema può interessare gli arti superiori, gli arti inferiori, il volto, i genitali, le mammelle e la parete addominale.

Esteticamente il linfedema ha una consistenza dura, la pelle può essere normale, biancastra o arrossata nella parti più inferiori, e ci può essere intensa desquamazione, gambe gonfie senza però dolore.
Linfedema

Viene distinto in linfedema primitivo (o essenziale) e linfedema secondario:

  • Il linfedema primitivo si manifesta alla nascita o nelle decadi di vita successive sino a dopo la settima, a causa di malformazioni congenite del sistema linfatico (mancato sviluppo delle vie linfatiche associate a malformazione dei linfonodi delle principali stazioni linfatiche);
  • Il linfedema secondario, largamente il più diffuso, compare in seguito ad interventi di chirurgia oncologica (mammella, utero, vescica, prostata, ecc ecc.), chirurgia ortopedica, in seguito a traumi, a trapianto renale, a radioterapia, ecc ecc.

Il trattamento fisioterapico adeguato è il linfodrenaggio unito a bendaggio linfatico multistrato.

Altre tipologie di patologie curabili attraverso il linfodrenaggio sono: Insufficienze venose (ulcere venose), vasculiti, claudicatio, flebostasi costituzionali, disturbi circolatori a carico del microcircolo, interventi di chirurgia vascolare (stripping, safenectomie)

  •  
Caricamento...

Esempio di Linfodrenaggio per favorire la circolazione linfatica e ridurre la sensazione di gambe gonfie e pesanti

LE NOSTRE AREE DI SPECIALIZZAZIONE

La tua salute non può attendere

Contattaci per maggiori informazioni o per fissare un appuntamento con uno dei nostri specialisti

CENTRO DI FISIOTERAPIA CARIONI:

IL TUO RIFERIMENTO PER LA RIABILITAZIONE E FISIOTERAPIA A CASSANO D’ADDA